CHI E' IL VULCANO DEL MERENGHE?

(Mario Diaz) È uno dei più carismatici e meglio preparati musicalmente tra i cantanti dominicani che hanno rafforzato la loro carriera con il merengue come punta di diamante. Questa non è una coincidenza, perché nella sua casa la musica non solo forniva il pane quotidiano, ma alimentava anche l'anima della sua famiglia.

Ho incontrato Diómedes Núñez nella seconda metà degli anni '80 e dal primo momento ho notato che le sue preoccupazioni andavano ben oltre il tradizionale timbro di "cosa c'è di moda". Si vedeva facilmente che le idee innovatrici gli battevano nel cuore, molto diverse da quelle che si sentiva allora suonare in giro. Non so se chiamarla ribellione, ma era ovvio che nascondeva la necessità di segnare la distanza. Voleva cantare merengue, ma dove rimanessero marcate le tracce del suo tocco sperimentale.

Con il passare del tempo, la sua faccia "ragazzino birbante" e la sua voce potente divennero così familiari che tutti noi, assimilando i suoi merengue, ci consideravamo parte della sua orchestra; così ognuno di noi lo considera e possiamo dire all'unisono che il suo gruppo é anche il nostro!

Diómedes Nicolás Núñez Guzmán è nato nel pomeriggio di venerdì 3 febbraio 1967 a Mao, la principale città della provincia di Valverde, ed è il risultato del matrimonio della signora Zunilda Guzmán e del trombettista Diosnedy Antonio Núñez. Proviene da una famiglia in cui molti dei suoi zii sono musicisti. Sono cinque fratelli, uno dei quali (Papito) è corista di Grupo Mío.

"Ho ereditato la musica da mio padre, perché ho sempre voluto essere come lui e suonare come lui. Ho studiato tromba al Conservatorio Nazionale di Musica perché volevo essere come mio padre", rivela con un misto di orgoglio e tristezza, poiché suo padre, l'indimenticabile Papirilo, è morto solo pochi mesi fa.

La sua formazione musicale è iniziata quando era un bambino, come fosse caduto dall'albero, perché fin da quando è stato concepito é cresciuto ascoltando la tromba di Papirilo, suo padre.

"Il giorno della Befana sempre mi regalavano un tamburo, perché sapevano di farmi contento ed è ancora il mio divertimento. Da quando ho avuto l'uso della ragione, ciò che mi interessava era la musica", ha ricordato il dinamico merenguero, che vanta una delle voci più potenti e ben sintonizzate tra i merengueros della sua generazione.

Fu suo padre a insegnargli a leggere lo spartito quando Diomede aveva undici anni, sul famoso metodo Eslava, di solfeggio parlato e cantato. Quindi il rispettato insegnante Paquito Burgos fu la sua guida come studente di tromba.

Ha rivelato che come musicista ha ricevuto varie influenze: "Quando ho iniziato a studiare tromba, ero un fedele ammiratore del portoricano Luis "Perico" Ortiz, degli americani Chuck Mangione e Clifford Brown, il canadese Maynard Ferguson, il cubano Arturo Sandoval, i dominicani Kaki Ruiz, Fermín, Cruz, mio ​​padre e altri ancora".

Come ogni essere umano, Diómedes ha i suoi cantanti preferiti e tra questi ammira quelli che hanno formato una scuola che gli ha consentito di forgiare il suo stile: i dominicani Ramón Orlando, Juan Luis Guerra e Alex Bueno, gli haitiani Gracia Delva e Wyclef Jean, il giamaicano Bob Marley, l'americana Alicia Keys, la colombiana Silvestre Dangond, la maliana Salif Keita ... Sono molte le sue influenze, come ci ha indicato.

La prima orchestra alla quale ha partecipato come trombettista e successivamente come cantante è stata la Liberación, guidata da Alex Bueno. Precisamente, con questo gruppo musicale, ha registrato per la prima volta: fu nello studio EMCA, con la canzone "Las Estrellas Brillatrás", una bachata di Ramón Torres portata in merengue grazie ad un accurato arrangiamento musicale del maestro Juan Valdez e inclusa in una produzione in cui Il cantante e cantautore Carlos David appare come leader della Liberación Orchestra.

Successivamente è entrato a far parte di Los Hijos del Rey, gruppo guidato da Sergio Vargas, con il quale ha registrato "Balsié", una canzone arrangiata a merengue dal maestro Juan Valdez, e "La La muñeca", un altro merengue, il cui arrangiamento fu del Ramón Orlando.

Poi El Equipo, l'orchestra del pianista Dioni Fernández, è stata la sua nuova tappa, dove ha convertito in successo i brani "El pum pum del amor" e "La lloré", entrambi di altri generi musicali e adattati a merengue dal maestro Fernández.

Quindi fece parte dell'Orchestra Internazionale, guidata dal maestro Ramón Orlando. Qui ha reso popolare il merengue "Bom Bom Bom" (è per questo che il maestro Ramón Orlando ha iniziato a soprannominarlo "Bum Bum") e ha inserito güira e tambora nelle canzoni "Bomba cara" e "Mi locura".

"Quando ho iniziato il progetto Diómedes e Grupo Mío, il 31 agosto 1993, ho composto i merengue 'El ñoño' e 'El ven, ven', che sono state le mie prime composizioni che ho registrato", si esprime senza riuscire a contenere quella risata birichina che lo caratterizza.

"Esto e' pa hombres", "Ella 'ta ahí", "Ya empezó la fiesta", "Máquina", "Salvaje", "Pobre diabla" e "La Chevecha" fanno parte del repertorio merengue diventato popolare grazie al Grupo Mío.

"Una delle mie più grandi soddisfazioni come musicista e cantante è stata quando abbiamo tenuto il concertó "Salvaje", "Pobre diabla" y "La Chevecha", son parte del repertorio merenguero que ha popularizado con el Grupo Mío.

"Una de mis mayores satisfacciones como músico y como cantante fue cuando se hizo el concierto 'No hay nadie más', con il maestro Ramón Orlando e l'Orchestra internazionale, perché, dopo aver riempito le sale più importanti del paese, abbiamo fatto un tour solo per le università degli Stati Uniti e mi ha riempito di gioia vedere così tanti giovani che si godevano la nostra música merengue ", ha ricordato.

Ma la carriera di questo talentuoso e gentile artista non é stata tutta facile: ha anche dovuto bere sorsi amari. Ci racconta un momento difficile: "Una delle grandi cose che mi è successa è stata quando ho registrato 'Esto se encendió' perché a quel tempo ciò che si respirava nell'ambiente era il ritmo della Coco Band e ciò che non suonava. Pertanto, alcune persone nelle stazioni radio non erano molto interessate e quando sono arrivato nella città di Santiago, nel piano di promozione, un disck jockey di turno, senza ascoltare l'album, lo ha rotto e lo ha gettato in un bidone della spazzatura. Mi sentivo molto male perché avevo pure viaggiato in un autobus pubblico solo per quello. Ma Dio ha parlato e fino ai giorni d'oggi quello è uno dei merengues più ballati e più cantati nelle feste importanti del nostro paese e mi riempie di soddisfazione che sia cosí".

Per inciso, "Esto se encendió" è composizione e arrangiamento dello stesso artista, così come "El aguilucho", quest'ultimo é un merengue di tale successo che è l' inno quando gioca la squadra de Las Águilas Cibaeñas, una formazione di successo che rappresenta la gente di Santiago nel tradizionale campionato dominicano di baseball invernale, e nei cui versi riassume che è stato una piccola Aquila fin da bambino.

Solo pochi giorni fa ha pubblicato la sua nuova produzione intitolata "Redention", in cui ricrea brani come"Te quiero", "Cuando tú estás cerca de mí", "Qué pasará" (cosí come la lanció Benny Sadel, pero realmente il suo títolo é "Yo soy así"), "Sé que te perdí", "La quiero a morir", "Todo me gusta de ti", "Ay, amor", "Quiero abrazarte tanto", "Si piensas que no te amo" e "Oye", canzoni che che furono rese popolari negli anni '80.

La verità è che quando Diómedes Núñez sale sul palco, cosí come dichiara nella sua composizione, accende l'ambiente tra i ballerini ed è la prova del fuoco per chiunque debba cantare più tardi perché questo musicista, originario di Mao, infiamma la pista da ballo. È un vero vulcano del merengue!