FABIO ARMILIATO ALL’ARENA IN CARMEN DI BIZET

Martedì 23 luglio alle 21 Carmen di Georges Bizet va in scena per la sua quinta rappresentazione nell'Arena di Verona Opera Festival 2019: tre debutti affiancano l'elegante protagonista di Chauvet. Daniel Oren dirige i complessi artistici areniani nell'allestimento cinematografico di Hugo de Ana ambientato nella Spagna degli anni Trenta del Novecento.

Repliche: 27 luglio - ore 21.00;

2, 24, 27 agosto 2019 - ore 20.45

4 settembre 2019 - ore 20.45

Per la seconda e ultima recita, il grande mezzosoprano francese Géraldine Chauvet interpreta la seducente eroina di Bizet. Con lei si sono in scena il forte Escamillo di Alberto Gazale e un cast parzialmente rinnovato che vede al debutto giovani talentuosi e grandi nomi del panorama lirico internazionale. Eccezionalmente Fabio Armiliato torna all'Arena di Verona come Don José dopo undici anni di assenza dal grande anfiteatro e forte del recentissimo successo come convincente Maurizio di Sassonia in Adriana Lecouvreur al Teatro Filarmonico.

Si avvicendano negli altri importanti ruoli alcune delle voci giovani più promettenti del Festival 2019: Karen Gardeazabal debutta come Micaela dopo essere stata una spigliata Frasquita, ruolo in cui esordisce Elisabetta Zizzo. Si confermano Clarissa Leonardi (alla sua ultima Mercédès per il 2019), i contrabbandieri Nicolò Ceriani (Dancairo) eRoberto Covatta (Remendado), quindi Gianluca Breda come tenente Zuniga e Italo Proferisce come sergente Moralès.

Il regista, scenografo e costumista argentino Hugo de Ana propone una Carmen originale per lo storico spazio dell'Arena di Verona: una vicenda drammatica, potente e diretta, asciugata dei suoi eccessi da cartolina ma ugualmente spettacolare grazie alla ricostruzione fedele di una Siviglia anni Trenta, con mezzi di trasporto e folle che animano la scena, una plaza de toros vera e propria che diventa scenario dello scontro finale tra Carmen e Don José. Lo spettacolo è garantito dalle luci di Paolo Mazzon, dalle proiezioni di Sergio Metalli che danno nuova vita alle antiche gradinate del palcoscenico e da numerosi mimi e figuranti. Il Ballopreparato da Gaetano Petrosino è impegnato nelle coreografie di Leda Lojodice create per questo spettacolo all'inaugurazione dello scorso Festival.

Daniel Oren, Direttore musicale del Festival 2019, guida l'Orchestra areniana, il Coro istruito da Vito Lombardi e i giovanissimi interpreti del Coro di Voci bianche A.LI.VE. preparato da Paolo Facincani.

Prezzi: da 22 a 193 euro