GRANDE AFFLUENZA DI PUBBLICO PER L'ELISIR D'AMORE AL REGIO OPERA FESTIVAL

17.06.2021

(Alessandra Giorda) Nell'ampio cortile del settecentesco Palazzo Arsenale di Torino, il 15 giugno 2021, si è svolta la serata inaugurale del Regio Opera Festival con una delle più belle opere donizettiane, ossia l'Elisir d'amore.

Grande affluenza di quel pubblico, 1000 posti che hanno registrato il tutto esaurito, che ha voglia di riassaporare una sera a teatro e godersi uno spettacolo dal vivo lasciandosi in questo caso rapire dal melodramma giocoso quale quest'opera rappresenta.

Lodevole la scelta da parte del Teatro Regio per lo slogan "A Difesa della Cultura", quest'ultima parola che sembrava caduta in disuso in Italia e che ora sta riprendendo vita. Inoltre è anche tema fondamentale del Prix Italia 2021 che è stato sottolineato molto bene alla cerimonia di apertura, tenutasi il 14 giugno scorso, al Teatro alla Scala di Milano, dal presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati che ha ben evidenziato durante il suo intervento, ribadendo l'importanza del rilancio della cultura in tutte le sue espressioni.

La serata che si è aperta all'insegna del ricordo e  con l'omaggio a tutti i medici e paramedici che si sono spesi durante i momenti più bui della pandemia da Covid-19, che è ancora purtroppo presente, e a tutti quelli che hanno perso la vita nell'adoperarsi a salvare quella degli altri. Un momento doloroso e toccante che ha reso la serata, che si è svolta in una compostezza spensierata, nel segno di chi non può dimenticare il vissuto di quest'ultimo anno e mezzo che ci reso tutti un pò più fragili e forse al tempo stesso un pò più forti.

Prende il via lo spettacolo in una produzione già vista sulle scene del Teatro Regio, ma sempre assai apprezzata e fresca dove firma la regia Fabio Sparvoli, mentre  le belle scene sono di Saverio Santoliquido e Alessandra Torella si è sbizzarrita nei variopinti costumi, il tutto in stile anni cinquanta.

Sul podio dell'orchestra del Regio un eccellente Matteo Beltrami, al suo debutto nel teatro torinese, che è stato assai apprezzato ed ha speso tutto se stesso nella superba direzione.

Pubblico completamente coinvolto durante lo svolgimento della recita, ma che raggiunge l'apice sulle note de "una furtiva lagrima" dove il tenore russo Bogdan Volkov, nel ruolo di Nemorino, raccoglie applausi convinti e non certo parchi.

Mariangela Sicilia, nei panni di Adina, non passa inosservata. E' dotata della giusta dose di malizia a completare il suo personaggio che convince l'attento pubblico pronto a riconoscerla per la sua bravura.

Il dottore Dulcamara, che appare a lato del palco nel cortile su una tipica Ape di quegli anni, è portato in scena da un abilissimo e sempre perfetto Marco Filippo Romano che non è mai scontato e sempre attento  nei risvolti di un personaggio capace di sfoderare varie sfaccettature della sua personalità. Senza ombra di dubbio è un "buffo" raffinato, simpatico e attento a mai cadere nelle forzature ove spesso si può incappare rovinando il personaggio. Esperto conoscitore del ruolo di buffo che è pieno di insidie poco visibili.

Giorgio Caoduro è un Belcore ricco di fascino nella sua divisa militare da maresciallo dei carabinieri dove sfodera tratti nercisisti e un poco da marionetta, ma sempre con un'eleganza ben dosata. Molto gradevole nel suo ruolo.

 Apprezzata dal pubblico è Ashley Milanese, nel ruolo simpatico di Giannetta, così come il bravissimo mimo Mario Brancaccio, assistente del Dottor Dulcamara.

Senza ombra di dubbio un plauso a tutto il cast che ha saputo regale emozioni che tutti i presenti avevano necessità di assaporare dopo una lunga astinenza come spettatori in presenza.

 Le repliche sono nelle date del 18 e 20 giugno alle ore 21:00.

Complimenti a tutti coloro che si sono spesi per dare vita al  Regio Opera Festival ed in particolare a Rosanna Purchia, commissario straordinario dotata di fermezza e tenacia che in questi mesi si è adoperata  per il risanamento del teatro, e a Sebastian Schwarz, direttore artistico che fin da subito ha avuto idee innovative. Il Regio Opera Festival offre spettacoli vari per tutti anche per bambini in un cartellone ricco, accattivante ed imperdibile in totale sicurezza.  https://www.teatroregio.torino.it/