IL LIBRO DELLA GIUNGLA A REGIOYOUNG

16.11.2022
Illustrazione Ludovica Brocca
Illustrazione Ludovica Brocca

Tratta dall'omonima raccolta di racconti di Rudyard Kipling, con le musiche di Giovanni Sollima, il libretto di Pier Francesco Maestrini, che firma anche la regia, e i cartoons di Joshua Held.
Gianluca Martinenghi dirige l'Orchestra Cupiditas e i cantanti Giulia Bolcato, Cecilia Bernini, Matteo Mollica, Roberto Maietta, Luigi Morassi.
Teatro Regio di Parma
mercoledì 30 novembre, giovedì 1, venerdì 2 dicembre 2022, ore 11.00 per le scuole;
sabato 3, domenica 4 dicembre 2022, ore 15.00 e 18.00 per le famiglie

Debutta finalmente in Italia la nuova commissione del Teatro Regio di Parma per RegioYoung Il libro della Giungla, l'opera dedicata a bambini e ragazzi a partire dai 6 anni, con le musiche di Giovanni Sollima e il libretto di Pier Francesco Maestrini, con tre recite per le scuole, mercoledì 30 novembre, giovedì 1 e venerdì 2 dicembre 2022, ore 11.00, e quattro per le famiglie, sabato 3 e domenica 4 dicembre 2022, ore 15.00 e 18.00. Dopo Il gatto con gli stivali (2016), Il piccolo principe (2017), La spada nella roccia e Alice (2018), Il libro della giungla è la quinta produzione d'opera destinata al pubblico di domani che il Teatro Regio commissiona ogni anno a registi, compositori, team creativi di fama internazionale.
Coproduzione italo-tedesca che ha visto il suo debutto a Kiel, nell'ottobre 2020, lo spettacolo nasce dalla collaborazione e dall'intesa creativa tra il librettista Pier Francesco Maestrini, che firma anche la regia, e il disegnatore Joshua Held, autore dei cartoons che animano le scene. "Sono davvero contento di vederlo finalmente debuttare in Italia - racconta Pier Francesco Maestrini - anche perché, alla mia prima esperienza da librettista, avevo scritto il testo italiano per lo spettacolo del Regio, per poi finire a doverlo mettere in scena in un adattamento tedesco a causa dei continui cambiamenti di data dovuti alla pandemia. Ricordo tutto il processo preparatorio come un momento di grande gioia poiché finalmente ho avuto l'occasione di creare un'opera nuova assieme al grande Giovanni Sollima, oltre che di tornare al lavoro con Joshua Held, mio amico d'infanzia e rinomato cartoonist fiorentino, col quale siamo ormai giunti alla quarta collaborazione". I costumi sono di Luca Dall'Alpi, le luci di Simone Bovis.
Protagonisti: Giulia Bolcato (Mowgli), Cecilia Bernini (Bagheera), Matteo Mollica (Shere-Khan/Gurilla), Roberto Maietta (Baloo), Luigi Morassi (Akela/Kaa), che danno vita ai protagonisti dell'omonima raccolta di racconti di Rudyard Kipling, rappresentati attraverso dei pupazzi animati in scena dai cantanti stessi. Sul podio Gianluca Martinenghi, alla guida dell'Orchestra Cupiditas.
Il libretto, che trae ispirazione dai racconti di Kipling e dal celebre film d'animazione della Disney degli anni '60, narra le avventure del piccolo Mowgli che, dopo aver perso i genitori, cresce nella giungla guidato dall'orso Baloo e dalla pantera Bagheera. La minaccia della tigre Shere-Khan, che non tollera gli uomini nella giungla, convince i lupi che Mowgli non è uno di loro e dev'essere allontanato. "Nella scrittura del libretto - racconta Pier Francesco Maestrini - mi sono attenuto alla sequenza drammaturgica del capolavoro della Disney con qualche differenza qua e là, lasciando però che l'orso Baloo rimanesse il buontempone che tutti ricordiamo, mentre abbiamo pensato di alleggerire il carattere severo di Bagheera operando una fusione con un altro personaggio assai presente nell'immaginario collettivo di noi tutti, ovvero la pantera rosa. Re Luigi, creazione puramente disneyana (tra l'altro politicamente scorrettissima per gli spettatori di oggi) non presente nell'originale, è diventato Gurilla, leader del Bandar-Log delle scimmie, e ha in comune con il personaggio del film degli anni '60 il fatto di essere animato da una pericolosa brama di potere, cercando di emulare i peggiori comportamenti umani".
Un'opera che non rinuncia ad aprire spunti di riflessione legati ai temi ambientali, al rapporto più problematico che mai tra uomo e natura, e al peso che le azioni umane esercitano su quest'ultima: "Nel momento in cui stavo scrivendo il libretto - prosegue Maestrini - divampavano i grandi incendi che hanno distrutto gran parte della superficie della foresta amazzonica e devastato l'Australia. Nella parte corale alla fine dell'opera è presente il nostro invito a cercare di risvegliare nei bambini il senso di responsabilità nell'utilizzare ogni invenzione umana i cui risvolti possono essere positivi o negativi a seconda appunto dell'atteggiamento di ciascuno di noi".

 

BIGLIETTERIA DEL TEATRO REGIO DI PARMA
Biglietti da 8 a 10 euro.
Strada Giuseppe Garibaldi, 16/A 43121 Parma Tel. +39 0521 203999 biglietteria@teatroregioparma.it
Orari di apertura: dal martedì al sabato ore 11.00-13.00 e 17.00-19.00 e un'ora precedente lo spettacolo. In caso di spettacolo nei giorni di chiusura, da un'ora precedente lo spettacolo. Chiuso il lunedì, la domenica e i giorni festivi.


Il pagamento presso la Biglietteria del Teatro Regio di Parma può essere effettuato con denaro contante in Euro, con assegno circolare non trasferibile intestato a Fondazione Teatro Regio di Parma, con PagoBancomat, con carte di credito Visa, Cartasi, Diners, Mastercard, American Express.
I biglietti per tutti gli spettacoli sono disponibili anche su festivalverdi.it. L'acquisto online non comporta alcuna commissione di servizio.

PARTNER E SPONSOR
La Stagione del Teatro Regio di Parma è realizzata grazie al contributo di Comune di Parma, Ministero della Cultura, Reggio Parma Festival, Regione Emilia-Romagna. Major partner Fondazione Cariparma. Main partners Chiesi. Main sponsor Iren, Barilla. Partner Crédit Agricole. Sponsor GloveICT, CePIM, Grasselli, Parmalat, GHC, Poliambulatorio Dalla Rosa Prati, Metronotte, Parmacotto. Con il contributo di Ascom Confcommercio Parma Fondazione, Ascom Parma Confcommercio, Camera di Commercio Parma, Fondazione Monteparma. Legal counselling Villa&Partners. Con il supporto di "Parma, io ci sto!". Partner artistici Conservatorio "Arrigo Boito", Coro del Teatro Regio di Parma. Partner istituzionale La Toscanini. La Stagione Concertistica è realizzata da Società dei Concerti di Parma, con il sostegno di Chiesi, in collaborazione con Casa della Musica. Wine partner Oinoe. Radio Ufficiale Radio Monte Carlo. Sostenitori tecnici Cavalca, Macrocoop, De Simoni, Graphital. Il Teatro Regio di Parma aderisce a Fedora, Opera Europa, Operavision, Emilia taste, nature, culture, Italiafestival.