LA REGIA DI STEFANO PODA METTE IN RISALTO IL SENSO UMANO DI CALAF

VIDEO INTERVISTA

( Alessandra Giorda) Impegnato in questi giorni al Teatro Regio di Torino in occasione della Turandot, nel ruolo di Calaf, è lo spagnolo Jorge de León. Artista di prestigio sulla scena internazionale è considerato tra i migliori tenori contemporanei. Nel suo vasto repertorio c'è molto Puccini, Verdi e Bizet. Nel 2004 è vincitore del primo premio "José Carreras" come miglior tenore al Concorso "Julian Gayarre" e l'anno seguente del secondo premio al concorso "Jaime Aragall". Nel gennaio 2017 ha debuttato al Gran Teatro del Liceo di Barcellona, dove ha interpretato il "Nessun dorma" dalla Turandot di Puccini entusiasmando il pubblico ed un anno dopo ha sortito il medesimo effetto con il pubblico torinese alla generale di domenica scorsa ( della Turandot) nel ruolo del Principe Ignoto. Il tenore, nativo di Santa Cruz de Tenerife, ha un talento vocale ed interpretativo da lasciare tutti a bocca aperta. Come uomo ha notevoli qualità come umiltà, umanità e simpatia. Ha cantato nei teatri più prestigiosi del mondo da Oriente a Occidente e la sua agenda è sempre fitta d'impegni. Raccoglie ovunque consensi di pubblico e critica.

Nella video intervista a seguire, realizzata con un primo piano dell'artista, Jorge de León racconta il suo Calaf, commenta la spettacolare regia di Stefano Poda, il suo ritorno nel Sol Levante ed il grande amore per le tradizioni del suo paese spiegando cos'è Zarzuela. Nel settembre del 2017 è stato protagonista al fianco del tenore Plácido Domingo e con Lucero Tena in un indimenticabile Gala di Zarzuela, alla Scala di Milano, per la lotta contro i tumori.