MARIANGELA VACATELLO SOSTITUISCE HÉLÈNE GRIMAUD CON L’ORCHESTRA RAI

17.03.2022
c Venturi Management
c Venturi Management

Giovedì 17 marzo a Torino, su Radio3 e in live streaming su raicultura.it

Segna il ritorno con l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai della pianista Mariangela Vacatello - che sostituisce la prevista Hélène Grimaud, indisposta - il concerto in programma giovedì 17 marzo alle 20.30 all'Auditorium Rai "Arturo Toscanini" di Torino. La serata è trasmessa in diretta su Radio3, in live streaming sul portale di Rai Cultura, ed è replicata venerdì 18 marzo alle 20.

Pianista partenopea di fama internazionale, Vacatello ha iniziato lo studio del pianoforte a quattro anni, per aggiudicarsi, giovanissima, diversi riconoscimenti in concorsi internazionali: dal "Laureate Prize" alla prestigiosa Queen Elisabeth Competition di Bruxelles nel 2007, al secondo premio al concorso "Liszt" di Utrecht, ottenuto a soli diciassette anni. Da allora ha suonato nelle principali sale del mondo, dalla Konzerthaus di Berlino all'Auditorium del Mozarteum di Salisburgo, passando per la Wigmore Hall di Londra e la Carnegie Hall di New York.

Per il suo ritorno con l'Orchestra Rai - con cui ha suonato l'ultima volta nell'ottobre 2019, inaugurando la stagione sinfonica 2019/2020 - propone il Concerto in la minore op. 54 per pianoforte e orchestra di Robert Schumann, ritagliato attorno alle eccezionali qualità pianistiche della moglie del compositore Clara Wieck, che lo eseguì per la prima volta a Dresda nel 1845.

Sul podio sale per la seconda settimana consecutiva il Direttore ospite principale della compagine Rai Robert Trevino: 37 anni, di origini messicane ma cresciuto a Fort Worth, in Texas. Direttore musicale dell'Orchestra Nazionale Basca e Consulente artistico dell'Orchestra Sinfonica di Malmö, si è imposto all'attenzione internazionale con il trionfo al Teatro Bol'šoj di Mosca nel 2013, sostituendo Vassily Sinaisky sul podio del Don Carlo di Verdi. Da allora è invitato regolarmente dalle orchestre prestigiose in America - dalla Cincinnati Symphony alla Philadelphia Orchestra - e all'estero - dai Münchner Philharmoniker alla London Symphony Orchestra. Cresciuto sotto l'egida di Michael Tilson Thomas e Seiji Ozawa, ha sviluppato una particolare sensibilità per il repertorio mitteleuropeo. Lo scorso autunno è stato protagonista di una trionfale tournée in Germania con l'Orchestra Rai, che ha toccato le città di Francoforte, Colonia e Amburgo.

Trevino apre e chiude la serata con due brani scritti agli inizi del Novecento: Im Sommerwind (Nel vento estivo), idillio per grande orchestra, composto da un giovane Anton Webern nel 1904 sotto l'influenza della scrittura di Richard Strauss; e la Sinfonia n. 1 in la bemolle maggiore op. 55 di Edward Elgar, che ebbe un successo di critica e pubblico fulmineo e venne eseguita il solo primo anno più di cento volte in Inghilterra e in America.

I biglietti per il concerto, da 10 a 25 euro, sono in vendita online sul sito dell'OSN Rai e presso la biglietteria dell'Auditorium Rai di Torino. Il pubblico in sala sarà accolto nel rispetto delle più recenti norme per il contenimento della pandemia.