THE NU OPERA HA COME OBIETTIVO LA DIVULGAZIONE DELL'OPERA LIRICA NEL MONDO CON UNA NUOVA VISIONE

( Alessandra Giorda) E' con grande piacere che ho realizzato quest'intervista attraverso la quale conosciamo meglio The Nu Opera, i successi, i progetti futuri e colei che è alla guida con grinta, determinazione e grande senso di responsabilità: Ingrid Novoa. 

Un assaggio di quanto si e stato posto in opera e di quanto bolle in pentola lo abbiamo con il successo de La Voix Humaine e la  collaborazione con il compositore spagnolo Alberto García Demestres per produrre la sua opera La Straordinaria Vita di Sugar Blood con libretto di Cristina Pavarotti. 

The Nu Opera inoltre è alla ricerca sempre più di artisti di notevole preparazione. Non sono tollerati divismi, critiche e cattiverie, poichè il CEO Ingrid Novoa pone il rispetto per la persona ed il lavoro come conditio sine qua non.

 Quando e perchè nasce The Nu Opera?

The Nu Opera nasce nel 2018, dopo un paio di anni di lavoro con la mia prima produzione di opera "La Voix Humaine" di Francis Poulenc. La regia è realizzata da Paolo Giani Cei in collaborazione con Stefano Poda ed il soprano María Katzarava nel ruolo di "elle".  All´inizio sono stata invitata per fare il cast degli artisti, ma poco dopo sono stata coinvolta nei problemi di produzione ed il tutto mi ha entusiasmato. The Nu Opera nasce per la necessità di contribuire al cambio che la lirica deve fare per sopravvivere al XXI secolo.

 Come si svolge l'attività manageriale?

L´attività manageriale si svolge in una forma flessibile e pratica. Quando The Nu Opera trova un progetto oppure un'opportunità per un artista, lo contatta. Se questi  è interessato inizia a lavorare con noi con flessibilità da ambedue le parti. Noi rispettiamo le relazioni che gli artisti hanno con altre agenzie e lavoriamo sempre in maniera trasparente.

Quali sono i vantaggi che hanno gli artisti che si rivolgono a Voi?

Gli artisti con cui lavoriamo hanno la libertà di lavorare con le agenzie che vogliono perché noi lavoriamo per progetto, principalmente. Collaboriamo flessibilmente con altre agenzie e diversi artisti, non solo cantanti. Per noi questa è la strada moderna di lavorare in squadra e  meno in modo individuale.

Di quale tipologia di artisti siete alla ricerca?

Artisti con molto talento e preferibilmente che siano persone armoniose nel lavoro. L´armonia è un valore importantissimo per questa agenzia. Divi no, conflitti no e criticare il lavoro degli altri no!  Cerchiamo anche delle persone che vogliano cantare, comporre, dirigere, creare nuovi opere con libretti che riflettono i problemi del secolo XXI oppure fare dei titoli tradizionali, ma adattati scenograficamente alla nostra realtà.

Gli artisti devono anticipare delle spese? 

Questo dipenderà sempre dal contratto e dal teatro oppure dalla produzione che prende gli artisti. Di solito cerchiamo di trovare progetti che includano delle spese, ma questo varia di produzione in produzione.

Vi occupate anche di creare spettacoli. Quali?  Solo operistico o  anche altro genere?

Certo, creare spettacoli è divertente ma a volte stressante. Divertente nel senso che  ho la libertà di scegliere titoli che penso abbiano un messaggio positivo oppure critico per la nostra società. Per esempio, sto collaborando con il compositore spagnolo Alberto García Demestres per produrre la sua opera La Straordinaria Vita di Sugar Blood con libretto di Cristina Pavarotti. Questa opera parla della vita di una ragazza che ha il diabete, la sua relazione con la malattia, con gli amici e la sua famiglia un po´ complicata. Posso immaginare tante persone, in questo caso giovani principalmente, perché ci saranno diversi cantanti adolescenti. Collegandosi con la storia di Sugar, poichè la musica è bellissima, sicuramente guadagneremo nuovo pubblico e così aiuteremo la continuità della lirica. 

Un esempio diverso sarà Il Gatto con gli Stivali di Xavier Montsalvatge. È una opera scritta nel 1900 che  funziona perfettamente per catturare l´attenzione dei bimbi e dei ragazzi, ma anche delle persone che non vanno spesso all'Opera. La musica è  straordinariamente bella, con influenza di compositori come Puccini, tra altri. Stiamo cercando di fare una regia che sia originale e di gran qualità estetica. Abbiamo anche spettacoli che cercano di rendere la musica barocca più dinamica. Seasons combina musica barocca con improvvisazioni e con performances di artisti da circo. È un'opportunità bellissima sentire musicisti meravigliosi da Cuba, Argentina, Stati Uniti, Italia.... Facciamo con tanto piacere gli spettacoli interdisciplinari.


 Quali sono i vostri obiettivi futuri?

Alcuni obiettivi centrali sono ampliare le nostre proposte culturali e agire come ponte tra America ed Europa, aiutando i teatri e le agenzie, come la nostra, per l´interscambio di produzioni ed artisti a costi bassi.

Quale è il tuo ruolo, Ingrid, in The Nu Opera? 

Sono la fondatrice e direttrice generale di questa nuova proposta culturale che semplicemente cerca una strada più moderna per lavorare con la cultura. 

https://thenuopera.com/